Enseña tus OBRAS en ARTEINFORMADO. ¡Cada día, más personas las miran!
invitación
Evento finalizado
16
ene 2015
23
feb 2015

Compártelo

Cuándo: 16 ene de 2015 - 23 feb de 2015
Inauguración: 16 ene de 2015
Dónde: Palazzo Orsini di Gravina - Università degli Studi Federico II di Napoli / via Monteoliveto 3 / Naples, Campania, Italia
Organizada por: ANYWHERE
Artistas participantes: Alberto Timossi
Enlaces oficiales Web 
Etiquetas:
Publicada el 25 mar de 2020      Vista 5 veces

Descripción de la Exposición

Venerdì 16 gennaio 2015, alle ore 12:00 presso Palazzo Orsini di Gravina, sede del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi “Federico II”, via Monteoliveto 3, a Napoli, si inaugura la mostra personale “Sinonimi” di Alberto Timossi, curata dallo scrittore Marco Amore. L’esposizione, che rimarrà aperta fino al 23 febbraio 2015, avrà un prologo alle ore 10:00 con la conferenza dal titolo “Tracciare il vuoto”, nell’aula Gioffredo dello stesso Dipartimento di Architettura. L’evento è coordinato dalla neonata Associazione Culturale Anywhere Art Company e si completa con l’extra mostra, dalle ore 13:00 alle ore 20:00 presso lo Studio Ottocon, via Mezzocannone 31, a Napoli. Il percorso espositivo si articola tra la scala a pozzo, il cortile ed il terrazzo di copertura del palazzo cinquecentesco e prevede due installazioni di grandi dimensioni in pvc rosso, realizzate dall’artista in funzione dell’architettura e del paesaggio circostante. “I tubolari non sono linee – ipotetiche o astratte – né rette né segmenti, benché concettualmente tracciati; malgrado lo sembrino se ridotti a un punto di vista monodimensionale. Abrasioni che attraversano la superficie della realtà nuda e cruda. Che comunicano solo quello che vedi, dove lo vedi, più che lo spostamento verso un’indispensabile altrove…” Dal testo di Marco Amore. La mostra presso Palazzo Orsini di Gravina sarà visitabile, tutti i giorni escluso la domenica, dalle ore 09:00 alle ore 17:00, invece la mostra presso lo Studio Ottocon sarà visibile previo appuntamento telefonico. La scultura di Alberto Timossi, classe 1965, napoletano di nascita e romano d’adozione, si caratterizza per l’utilizzo dell’elemento tubolare plastico di origine industriale, alterato, decontestualizzato e in alcuni casi associato a suoni musicali. Tra le sue mostre personali più recenti possiamo ricordare Deflusso, Giardino della Scala Santa, Roma; Flussi, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Raccolta Manzù, Ardea; Accenti, Museo sperimentale d’arte contemporanea, L’Aquila; Partitura urbana, Archivio Crispolti, Roma. Tra le sue mostre di gruppo: Emufest, Conservatorio Santa Cecilia, Roma; Terra di Maestri, Rocca Paolina, Perugia; Trentatrè diagnosi d’artista, 56° Festival dei Due Mondi, Spoleto; BNL, una banca per l’arte oltre il mecenatismo, Chiostro del Bramante, Roma

Actualizado

el 26 mar de 2020

Contactar

¿Quieres contactar con el gestor de la ficha?